Seijin no hi: il giorno della maggiore età in Giappone [versione aggiornata]

20140113_1537001.jpg

Oggi, secondo lunedì del mese di gennaio, è un giorno di festa nazionale in Giappone, si festeggia il “Seijin no hi” 成人の日, la festa per celebrare il raggiungimento della maggiore età, che in Giappone è stata abbassata di recente dai 20 ai 18 anni.

Vengono celebrati i ragazzi e le ragazze che hanno compiuto i 18 anni nell’anno trascorso a partire dal due aprile o che gli compiranno entro l’ uno aprile dell’anno in corso.

Per ogni ragazzo/a giapponese è quindi un momento molto importante, dove si abbandona l’età spensierata e si entra a pieno titolo nella società degli adulti; ogni comune cittadino o comunità, solitamente organizza per questo evento delle feste chiamate “seijin shiki” dove le ragazze si recano con il kimono delle feste chiamato “Furisode” (vedi foto), questo kimono è molto prezioso e viene usato per le feste più importanti, o può venire affittato per l’occasione, ha maniche lunghe, colori sgargianti tipici delle donne non ancora sposate e d’inverno viene impreziosito con un grande pellicciotto che si mette al collo, di solito di colore bianco (vedi foto)

I ragazzi dovrebbero indossare il kimono tradizionale “Hakama”, ma ultimamente, la moda occidentale ha preso il posto di questo meravigioso vestito giapponese e quindi quasi tutti i ragazzi si vestono in completo giacca e cravatta, anche oggi su circa un centinaio di ragazze in kimono che ho visto solo un ragazzo indossava un Hakama, molto probabilmente anche altri per la visita al tempio indossavano l’Hakama, ma per stare più comodi possono averlo tolto cambiandosi con un più comodo completo in stile occidentale. Purtroppo anche questo è segno dei tempi che cambiano qui in Giappone.

Sebbene l’età adulta sia stata effettivamente abbassata a 18 anni, ciò non significa che altre leggi siano state influenzate. I diciottenni giapponesi non potranno ancora bere, fumare o giocare d’azzardo (nella sua forma limitata in Giappone) fino all’età di 20 anni. Potranno tuttavia ottenere alcuni benefici, potendo firmare contratti di locazione e sposarsi senza il permesso di un genitore.

Potrebbe essere facile confondere le recenti modifiche all’età legale dell’età adulta in Giappone con le modifiche all’età per votare, tuttavia questi due cambiamenti sono avvenuti in modo completamente separato. A partire dal 2016 , i diciottenni hanno ottenuto il diritto di voto, dopo aver dovuto aspettare fino al compimento dei 20 anni. Costituendo un nuovo elettorato di 2,4 milioni di elettori, questa nuova responsabilità sociale è stata probabilmente presa in grande considerazione quando si è ridotta l’età legale dell’età adulta.

 

20140113_1540392.jpg