I genitori di residenti stranieri possono ora visitare il Giappone

I confini del Giappone sono ancora chiusi ai turisti , consentendo solo ai viaggiatori d’affari, agli studenti stranieri e agli accademici di entrare di recente nel paese. Ma poiché il numero di arrivi giornalieri è recentemente aumentato a 10.000, il governo ora sta lentamente e silenziosamente consentendo visite a breve termine da parte dei genitori di residenti stranieri in Giappone.

A parte i viaggiatori d’affari e gli studenti stranieri, i nuovi ingressi consentiti in “circostanze eccezionali speciali” sono stati limitati a: residenti stranieri; coniugi e figli di un cittadino giapponese o residente permanente; e coniugi e figli di uno straniero residente in Giappone per ricongiungersi con i familiari che vivono nel paese.

Ma ora, il Giappone ha iniziato a concedere visti a una gamma più ampia di persone, tra cui:

  • I familiari entro il primo grado di parentela con residenti stranieri che desiderano venire in Giappone per visitare la propria famiglia, così come i familiari entro un secondo grado di parentela con cittadini giapponesi e residenti permanenti. La parentela di primo grado è definita come figli e genitori, mentre la parentela di secondo grado si riferisce a fratelli, nonni e nipoti.
  • I membri della famiglia che hanno bisogno di prendersi cura di un residente in Giappone che è malato, sta per avere un bambino o ha bisogno di sostegno nelle loro faccende quotidiane.
  • I familiari in visita a un residente del Giappone che è prossimo alla morte o coloro che vengono a rendere omaggio a un residente deceduto.
  • Familiari che hanno necessità di accompagnare minori, o coloro che non possono viaggiare da soli per malattia o altri motivi.

Il Giappone ha riaperto i suoi confini a marzo per le persone che hanno sponsor, come viaggiatori d’affari, studenti stranieri e ricercatori. Circa 30.000 studenti stranieri sono entrati in Giappone finora da marzo, con il governo che stima che altri 80.000 arriveranno entro la fine di maggio.

Tuttavia, il primo ministro Fumio Kishida ha dichiarato la scorsa settimana che il Giappone non ha ancora piani immediati per aprire i suoi confini ai turisti.

PRENOTAZIONE